Come Gestire Il Capitale Delle Scommesse Sportive: I Migliori Consigli

6 min to read

La chiave per il successo nel mondo delle scommesse sportive, oltre ad un pizzico di fortuna e a molta pazienza, è saper gestire il proprio denaro ed il proprio capitale in maniera meticolosa, senza farsi prendere dall’euforia di una vincita e perdere di nuovo tutto il bottino incassato nella giocata successiva.

Sapere in che modo gestire il proprio capitale a lungo termine è l’unico modo per trionfare nelle scommesse, che ci permetterà di guadagnare poco a poco senza correre troppi rischi.

Anche se la gestione del bankroll non ci assicura nessun guadagno, è sicuramente una pratica da seguire per tutti coloro che hanno intenzione di passare da “scommettitori occasionali” ad “esperti della materia”.

Una delle cause principali di perdita di capitale tra gli scommettitori non è perdere varie giocate, o scommettere troppo o troppo poco, bensì una gestione sbagliata del denaro.
Avere sempre una visione chiara di quanto puntare, in che momento e con quale percentuale è la via di accesso per un cammino vincente.

Gestire Il Capitale Delle Scommesse Sportive

Solo Soldi “Extra”

Innanzitutto, è bene ricordare che bisogna sempre scommettere in modo responsabile, ed investire solo il denaro “extra” che abbiamo a disposizione, che siano 5€ o 100€.

Potrebbe sembrare scontato, ma in effetti non lo è: perdere soldi che ci servono per pagare l’affitto, per comprare cibo o vestiti, o per qualsiasi altra attività che sia davvero una necessità, è un rischio che è meglio non correre, per non entrare in un circolo vizioso dal quale sarà complicato uscire.

Definire Un Capitale

Una volta chiaro di quanto soldi disponiamo, possiamo definire il nostro capitale per le scommesse.

Se, per esempio, è di 1000€, è bene suddividerlo tra vari bookmakers, e non depositarlo tutto su una singola casa di scommesse: gli scommettitori esperti sanno che le quote cambiano da bookmaker a bookmaker, e che puntare sempre su quello che offre le migliori quote del giorno è essenziale.

Puntare Moderatamente

Scommettere 100€ sulla nostra squadra del cuore?

Puntare 150€ sulla vittoria del campionato della più favorita all’inizio dell’anno?

Sono scommesse che potrebbero sembrare allettanti, ma che sicuramente non sono adatte a gestire in modo ottimale il nostro capitale, soprattutto se siamo dei giocatori alle prime armi.

Magari questo tipo di scommesse potrebbe risultare vincente in qualche occasione, ma ció non accadrà sempre: perdere cosí tanti soldi in una sola volta potrebbe portarci a scommettere ancora di più nella puntata successiva, senza alcun tipo di controllo…

È bene spendere il nostro capitale in maniera controllata ed oculata, cercando di raggiungere grosse somme poco alla volta.

Anche se siamo sicuri che una partita avrà un certo esito, ricordate che nel labirinto delle scommesse sportive nulla è scontato: anche la squadra più favorita può avere un momento di calo, o una giornata sfortunata, o delle decisioni arbitrali a sfavore.

Immaginate di effettuare una scommessa vincente, per un guadagno totale di 100€.

Immaginate di scommettere questi 100€ in una seconda scommessa, anch’essa vincente, con un profitto di 300€.

Adesso immaginate di scommettere, presi dall’euforia e dalla sensazione di invincibilità, questi 300€ in una terza scommessa che, a differenza delle precedenti, risulterà perdente: la frittata è fatta!

Tutti i vostri guadagni saranno ormai scomparsi, e bisognerà ricominciare da zero.

Dobbiamo tenere conto di tutti questi fattori prima di decidere di puntare grosse somme su una scommessa!

Gestire Il Capitale Delle Scommesse Sportive

Due Formule Per Sapere Quanto Scommettere

Nessuna formula è perfetta, ma ovviamente in molti casi qualche calcolo ci può venire in aiuto al momento di puntare.

Per sapere quanti soldi scommettere su un risultato, è necessario:

  1. stimare una probabilità di esito vincente della scommessa
  2. scommettere non più del 3% del capitale in una singola scommessa.
    (Infatti, se superiamo questo limite, stiamo praticamente mettendo a rischio buona parte del nostro capitale, che potrebbe raggiungere lo zero in men che non si dica.)

Se prendiamo in considerazione una partita Bayern Monaco – Borussia Dortmund, nella quale crediamo che il Bayern Monaco abbia l’80% di possibilità di vincere l’incontro, e con un capitale di 1000€, la formula sarebbe:

30€ (cioè il 3% del nostro capitale di 1000€) x 80 (la probabilità che il Bayern vinca) / 100 = 24€

Quindi, la somma che dovremo puntare sulla vittoria del Bayern Monaco è di 24€.

La seconda formula che possiamo utilizzare si basa invece sulle quote delle partite: in questo caso, terremo in considerazione:

  1. il nostro capitale totale
  2. il 5% del nostro capitale
  3. la quota dell’evento su cui vogliamo scommettere

Se quindi ci apprestiamo a scommettere sulla vittoria del Barcellona contro il Real Madrid, con una quota di 1.90, il calcolo sarà:

(1000€ (il nostro capitale totale) x 0.05 (cioè il 5% del capitale)) / (1.90 (la quota del segno 1 per il Barcellona) – 1) = 55€

In questo caso, scommetteremo 55€ sulla vittoria del Barcellona.

Un Diario Delle Scommesse

Cosí come nella gestione delle nostre spese quotidiane, quali bollette, compere o alimenti, è bene avere a disposizione un’agenda in cui scrivere tutto ció che riguarda le nostre scommesse:

  1. scommesse effettuate
  2. soldi spesi
  3. soldi guadagnati
  4. bilancio settimanale
  5. bilancio mensile
  6. bilancio annuale

In questo modo, terremo sempre d’occhio tutto quello che spendiamo, vinciamo o perdiamo.

Inoltre, sapere in che giorni, con quali partite e con quale importo scommesso abbiamo avuto risultati migliori, può aiutarci a migliorare nelle scommesse future, permettendoci di individuare delle linee guida da seguire ogni volta che scommettiamo.

Se l’idea di scrivere un “diario delle scommesse” non vi stuzzica, potrete sempre scaricare una delle tante applicazioni presenti sugli store dei vostri smartphone, ed utilizzarla per sapere sempre e dovunque come va il vostro bilancio di scommesse sportive.

Gestire Il Capitale Delle Scommesse Sportive

Limite Settimanale O Mensile

Grazie alla nostra agenda delle scommesse, sapremo sempre quanto abbiamo speso durante la settimana o il mese in corso, cosa che ci aiuterà al momento di puntare la prossima giocata.

Infatti, non ha molto senso scommettere sempre il 3% o il 5% del proprio capitale, se effettuiamo 100 scommesse alla settimana!
È bene porsi un capitale limite da spendere durante un periodo di tempo, e non oltrepassarlo mai.

Molti bookmakers e case di scommesse online offrono questa opzione già integrata nei propri sistemi: basta andare nelle impostazioni del vostro profilo ed impostare un limite di soldi che si possono spendere in un lasso di tempo.

In questo modo, se raggiungerete questo limite, non vi sarà concesso scommettere fino alla scadenza del periodo da voi fissato.

Porsi dei limiti e scommettere scrupolosamente è una delle basi del cammino verso il successo nelle scommesse sportive, ed una delle chiavi per non buttare al vento tutti gli sforzi fatti con il passare del tempo: scommettere tutto quello che abbiamo vinto su una sola scommessa, che risulterà perdente, potrebbe essere un duro colpo da digerire!

Conoscere Le Squadre

Tutti ci riteniamo degli esperti di calcio e di sport in generale, ma in effetti sono mondi cosí vasti che è davvero dura diventare un professionista del settore.

Oltre a guardare incontri e competizioni in televisione, per trionfare nel mondo delle scommesse bisogna essere dei veri esperti: studiare le quote, informarsi sulle probabili formazioni e sui giocatori infortunati, verificare quali sono stati i risultati degli ultimi scontri diretti tra le due squadra, leggere le ultime notizie su siti e forum legati al calcio e alle scommesse, e cosí via…

Inoltre, è consigliabile non scommettere mai su:

1. Quote troppo basse, come l’1.05

I guadagni saranno troppo bassi, non vale la pena rischiare di perdere

2. Quote troppe alte, come una quota di 15

Possono sembrare appetitose, ma ci sono veramente poche probabilità di vincere

3. Squadre già retrocesse o che non si giocano nulla

Per esempio la qualificazione al prossimo turno di Coppa

4. Troppe partite

Quante più eventi, maggiore sarà il rischio che la scommessa risulti perdente

5. La nostra squadra del cuore

Spesso tendiamo a scommettere che la nostra squadra vincerà l’incontro. Se volete essere degli scommettitori professionisti, dovete lasciare a casa la vostra fede calcistica!

 

 

Be the winner you were always meant to be.